Infrastrutture stradali e di Urbanizzazione

Infrastrutture stradali e di Urbanizzazione

Le imprese che operano nel settore delle infrastrutture stradali e di urbanizzazione del Consorzio Zenith sono costantemente impegnate  ad individuare  metodi di costruzione e manutenzione sempre più innovativi e performanti   sia sotto  il punto di vista del  rispetto dell’ambiente, sia sotto il  punto di vista della   vita utile delle opere realizzate.

Le attività principali per questo settore sono la costruzione e manutenzione di infrastrutture stradali e di urbanizzazioni a carattere residenziale e anche al servizio di insediamenti produttivi industriali.

A questo tipo di  attività a titolo  esemplificativo di seguito elenchiamo  alcune fra le tantissime lavorazioni che possono eseguire le imprese del Consorzio Zenith.

Movimenti sbancamenti di terre

eseguiti secondo metodi tradizionali ovvero scavo e trasporto del materiale di risulta nei luoghi stabiliti dalle normative vigenti, ovvero quasi sempre distanti dal cantiere, oppure, tramite la tecnologia della “Stabilizzazione delle terre in situ”, ovvero sul cantiere stesso, esse subiscono una trasformazione idraulica e meccanica, tale e per cui da rifiuto diventano materiali di assoluta qualità(certificati da laboratori tecnici), idonei per la realizzazione di fondazioni, consolidamenti, scarpate, rilevati, ovvero trovano immediatamente il loro riutilizzo sia nel campo della tecnologia delle costruzioni stradali, sia degli edifici a carattere produttivo e residenziale.

Risulta evidente che applicando alle terre questo tipo di trattamento, ovvero da rifiuto vengono immediatamente trasformate sul cantiere in materia prima, esse diventeranno per il committente una risorsa fondamentale sia in termini di abbattimento dei costi, sia dei relativi tempi di realizzazione dell’opera.

Movimenti e Sbancamenti di terre eseguiti con la tecnologia della “Stabilizzazione delle Terre in situ”

Rilevati stradali

Il consorzio Zenith con la tecnologia delle “Stabilizzazione delle terre” e del “Riciclaggio a Freddo” utilizzando leganti idraulici e chimici, è in grado di “Rigenerare” materiali come rilevati e pavimentazioni stradali di qualsiasi genere.

La trasformazione mediante la rigenerazione dei materiali in situ darà all’opera stessa caratteristiche meccaniche tali da aumentare in maniera esponenziale il suo ciclo di vita, con conseguente risparmio sulle manutenzioni nel tempo.

Siamo naturalmente in grado di eseguire rilevati stradali secondo metodologie tradizionali ovvero con l’impiego di materiali “vergini”, provenienti da cave di prestito dislocate sul territorio nazionale, o con materiali “riciclati” anche di nostra produzione, provenienti dal riutilizzo di materiali di rifiuto delle attività di demolizione e ricostruzione nel campo delle costruzioni edili, previo adeguate analisi, lavorazioni e trasformazioni granulometriche.

Pavimentazioni stradali

in conglomerato bituminoso

Si possono ottenere pavimentazioni con prestazioni molto elevate miscelando agli inerti  bitumi tradizionali o modificati. Da ciò derivano caratteristiche che possono favorire il ciclo di vita utile della pavimentazioni in conglomerato bituminoso, ma anche la sicurezza stradale, infatti per esempio, i conglomerati drenanti o gli Splittmastix  aumentano l’aderenza dei pneumatici alla superficie stradale in condizioni ambientali normali, ma anche e soprattutto in particolari  condizioni di pioggia.

Pavimentazioni

realizzate anche in asfalto ecologico, masselli di  autobloccante, in porfido, in lastre e ciottoli di pietra pregiata e in calcestruzzo armato.